Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Presentazione Parco del Mago

Prende il via a Zollino domenica 31 gennaio 2016, ore 16.00, presso la sede del Laboratorio Urbano "Salento km 0 - To kalò fai", il primo step per la costituzione del “Parco del Mago”, un progetto per la protezione e la valorizzazione di una vasta area compresa tra i comuni di Zollino, Sternatia, Soleto, Corigliano d'Otranto, San Donato di Lecce e San Cesario di Lecce.

Dettagli della notizia

Ispirato alla figura di Matteo Tafuri, il “filosofo della natura”, il Parco comprende un’area ben definita attraversata dalla “Serra”, caratteristica dorsale collinare salentina, e ricca di numerosi elementi di pregio naturalistici (come i laghi temporanei, le vaste aree olivetate, la macchia mediterranea), paesaggistici e architettonici (i megalitici, le pozzelle, le masserie, le pajare, i furneddi, ecc ) e culturali (la Grecia salentina, le testimonianze greco-bizantine, ecc). Un’area attraversata dalla SS 367 che ne compromette la continuità ambientale, danneggiata da numerose cave e minacciata dalla presenza della discussa discarica di Corigliano. Una zona dunque che richiede tutela e attenzione.
Il progetto di Parco di Comunità, come sarà il Parco del Mago, nasce dal basso sotto la spinta e l’incessante attività dell’Associazione Nuova Messapia di Soleto, e ha visto il coinvolgimento delle comunità di riferimento, delle amministrazioni e di numerose associazioni che lavorano sul territorio in ambiti differenti e multidisciplinari. Il progetto ha già avuto un primo via libera da parte della Regione in sede di redazione del Piano Paesaggistico Territoriale. La palla passa ora alle amministrazioni locali, che dovranno avvalersi di strumenti concreti di tutela ambientale.
Per questo motivo, il 31 gennaio presso la sede del Laboratorio Urbano Salento km0 – To kalò fai, cittadini, associazioni e amministrazioni locali si incontreranno per costruire un percorso partecipato di tutela e valorizzazione ambientale e culturale.
Fin dal primo momento l ’amministrazione di Zollino ha promosso e appoggiato fortemente la nascita del Parco del Mago, facendosi portatrice delle istanze della comunità anche verso i Comuni limitrofi. Partirà dunque simbolicamente da Zollino questo progetto per ripianificare l’assetto ecologico e il concetto stesso di sviluppo del territorio, in chiave di promozione del patrimonio ambientale e culturale, sia esso materiale che immateriale, per una crescita economica e culturale delle comunità anche in termini di salubrità e benessere.

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina